SIGNORAGGIO. BANKITALIA CONDANNATA A RIMBORSARLO: 87 EURO AD OGNI CITTADINO

in Comunicati stampa

COMUNICATO STAMPA“REDDITO DA SIGNORAGGIO DA RESTITUIRE ALLA COLLETTIVITA’ PARI A 5 MILIARDI DI EURO,87 EURO IN MEDIA PER OGNI CITTADINO RESIDENTE IN ITALIA AL 31.12.2003”.E’ IL DISPOSITIVO DI UNA CLAMOROSA SENTENZA EMESSA SU RICORSO ADUSBEF.SARA’ BANKITALIA A DOVER RESTITUIRE 5 MILIARDI DI EURO DI SIGNORAGGIO (87 EURO A CITTADINO),CON IL DISPOSITIVO DI SENTENZA,N.2978/05 EMESSA A LECCE,DOPO UNA LUNGA BATTAGLIA GIUDIZIARIA PORTATA AVANTI DALL’ AVV. ANTONIO TANZA,VICE PRESIDENTE DELL’ADUSBEF ! IL REDDITO DAL SIGNORAGGIO-AFFERMA LA SENTENZA-NON E’ DI BANKITALIA,MA DELLO STATO E DEL POPOLO SOVRANO !SUL SITO ADUSBEF IL FAC-SIMILE DI RICHIESTA DEL “REDDITO DA SIGNORAGGIO”,CHE OGNI CITTADINO RESIDENTE PUO’ E DEVE AVANZARE ALLA BANCA D’ITALIA. Il Giudice di Pace del Tribunale di Lecce dr. Cosimo Rochira,nella causa civile iscritta al n.3712/04, ed intentata da Giovanni De Gaetanis,associato Adusbef difeso dal vicepresidente Avv. Antonio Tanza, ha emesso una clamorosa sentenza depositata in cancelleria il 26 settembre 2005 al numero 2978/05, contro la Banca Centrale Europea e,per essa,la locale articolazione individuata nella Banca d’Italia. Per effetto di tale sensazionale sentenza,la Banca d’Italia,che si è appropriata indebitamente di una somma enorme,pari a 5 miliardi di euro sotto la voce “reddito da signoraggio”,dovrà restituirla alla collettività per un importo pari ad 87 euro per ogni cittadino residente in Italia alla data del 31 dicembre 2003, neonati compresi. E’ il primo colpo giudiziario in assoluto al diritto di signoraggio,che arriva da un giudice di Pace di Lecce, Cosimo Rochira,che ha condannato la Banca d’Italia a pagare 87 euro a un cittadino italiano,per l’indebita appropriazione di una somma enorme,pari ad oltre 5 miliardi di euro dal 1996 al 2003, che per diritto spetta allo Stato italiano. Il signoraggio è un antico istituto derivante dal “sovrano che battendo moneta”, ne garantiva il valore nel tempo ed in cambio di quella specifica garanzia feudale (come la carica a vita del Governatore della Banca d’Italia), tratteneva una parte di quell’oro. Oggi che neppure le riserve auree garantiscono più la moneta,al punto che è sparita la scritta "pagabili al portatore",è rimasto quel diritto feudale di signoraggio i cui proventi vengono incamerati dalla Banca d’Italia,che non appartiene più allo Stato ma a banche private ed altri soggetti che incassano parte di tale introiti. I cittadini quindi hanno continuato a pagare quella che è diventata una sorta di tassa agli istituti di credito, in violazione dello stesso statuto della Banca d’Italia che all’articolo 3, comma 3 parla chiaro: la banca appartiene allo Stato". Quindi, è stata la conclusione del giudice la sottrazione del reddito da signoraggio in danno alla collettività è di 87 per singolo cittadino residente alla data del 31 dicembre 2003,per un controvalore di 5.023.632.491 euro,che deve essere restituito. Un altro duro colpo ad un Governatore che si continua a comportare come un “sovrano”,un monarca assoluto,arroccato a difendere con le unghie e con i denti assurdi privilegi,che cadranno tutti sotto i maglio della magistratura,sia civile che penale. Sul sito dell’Adusbef fac-simile ed atto di citazione che ogni cittadino può e deve fare,contro la Banca d’Italia,per la restituzione del maltolto.“Il C.T.U., nella sua relazione, ha chiarito che il reddito dell’istituto, causato dall’attività e dalla circolazione di moneta posta in essere dalla collettività nazionale, dovrebbe vedere lo Stato quale principale beneficiario e non gruppi di privati.II C.T.U. conclude che, per il periodo preso in esame 1996-2003, la sottrazione del reddito di signoraggio in danno alla collettività (quota attribuita a soggetti privati dalla Banca d’Italia) può determinarsi alla luce dei suddetti criteri e dei prospetti analitici di calcolo riportati nelle relazione peritale, in complessivi euro 87,00 corrispondenti ad un danno medio rilevato per cittadino residente alla data del 31.12.2003.La somma complessiva che spetta, quindi, all’attore per il titolo dedotto in giudizio ex art. 2033 e 2041 C.C. è di euro 87,00.P.Q.M.Il Giudice di Pace di Lecce, Cosimo Rochira, definitivamente pronunciando cosi provvede:a) Accoglie la domanda per i suddetti motivi e condanna la convenuta, anche in via equitativa, a corrispondere all’attore la somma di ? 87,00 a titolo di risarcimento del danno derivante dalla sottrazione del reddito di signoraggio, oltre interessi legali dalla domanda all’effettivo soddisfo” Il Presidente Elio LannuttiRoma, 2 ottobre 2005 CONCLUSIONI PERITALISulla base degli approfondimenti eseguiti, lo scrivente ritiene di poter affermare che la proprietà della moneta, la politica monetaria e i suoi proventi siano di competenza esclusiva dello Stato e per riflesso della collettività nazionale. Conseguentemente, per il periodo preso in esame 1996/2003, la sottrazione del reddito di signoraggio in danno della collettività (quota attribuita a soggetti privati dalla Banca d’Italia) può determinarsi, alla luce dei criteri precedentemente esposti e dei prospetti analitici di calcolo sopra riportati, in complessivi €uro 5.023.632.491 , corrispondente a un danno medio rilevato per cittadino residente alla data del 31.12.2003 di €uro 87 .======================Quanto sopra rappresenta il risultato cui è pervenuto lo scrivente C.T.U., in adempimento all’incarico conferitogli.Seguono n. 4 allegati- Allegato A : Verbale operazioni peritali- Allegato B : Statuto del SEBC e della BCE- Allegato C : Decisioni della BCE BCE/2000/19 BCE/2001/15 BCE/2001/16 BCE/2004/9- Allegato D : Estratto dei Bilanci 1997 1998 1999 2000 2001 2002 2003 della Banca d’ItaliaCon ossequio.Lecce, 20 maggio 2005. Il C.T.U. (dott. Maurizio Mazzeo)SINTESI DELLA PERIZIA CORREDATA DA TABELLE A SUFFRAGIO DELLA CLAMOROSA SENTENZA DEL GIUDICE DI LECCE COSIMO ROCHIRAAlla luce di quanto sopra analizzato, in merito alla determinazione del reddito monetario conseguito dalla Banca d’Italia ai fini del calcolo del danno medio subito dalla collettività nazionale per la relativa sottrazione e attribuzione a soggetti privati, è opportuno fare alcune considerazioni.In primo luogo si deve considerare che la Banca d’Italia è una azienda e il reddito monetario rappresenta la principale componente positiva del reddito – dalla quale peraltro conseguono tutte le entrate dell’Istituto. Tale entrata, però, non può essere valutata separatamente estrapolandola dal bilancio e dal conto economico della Banca, in quanto solo attraverso la somma algebrica dei suoi componenti positivi e negativi si determina il risultato d’esercizio, che rappresenta il reddito netto generato dall’attività monetaria svolta dalla Banca.Inoltre, come si è visto, la Banca d’Italia distribuisce l’utile di esercizio conseguito, ai sensi dello statuto, parte allo Stato e parte ai partecipanti privati del suo capitale sociale. E’ evidente che solo questa ultima parte, integrata dagli accantonamenti dell’utile alle riserve ordinaria e straordinaria e dagli accantonamenti del fruttato delle stesse riserve, rappresenta una sottrazione di risorse allo stato (e per esso alla collettività nazionale), al quale compete esclusivamente la politica monetaria ed i suoi proventi. Pertanto, se da un lato è complesso, in particolare da quando la titolarità della politica monetaria si è trasferita alla BCE per gli articolati meccanismi di distribuzione del reddito di signoreggio alle BCN, quantificare la parte di reddito monetario sottratta alla competenza esclusiva dello Stato, dall’altro, anche ove questa fosse esattamente determinata, non terrebbe conto dei componenti negativi di bilancio e quindi dei costi sostenuti dalla Banca per realizzare tale reddito.Una rappresentazione prudente del danno sostenuto dalla collettività per la sottrazione del reddito monetario maturato deve, quindi, riferirsi esclusivamente agli utili di bilancio netti conseguiti dalla Banca d’Italia (rettificati come sopra descritto con gli accantonamenti e la distribuzione delle riserve) e non assegnati allo Stato.D’altra parte, applicando tale modalità di calcolo, una corretta remunerazione degli apporti effettuati dai partecipanti privati alla Banca d’Italia, e relativi esclusivamente alle quote di capitale sociale conferito (€uro 156.000), non può alterare in misura significativa il valore, così determinato, del reddito monetario sottratto alla collettività. In ogni caso, ai fini del calcoli effettuati, lo scrivente ha ritenuto di considerare, quale corretta remunerazione del capitale sociale, la distribuzione deliberata ai partecipanti dell’utile d’esercizio, corrispondente (in ossequio allo statuto) al 10% del capitale sociale.A questo proposito deve osservarsi che la media della distribuzione di dividendi annuali ai titoli bancari quotati (inclusi i partecipanti alla Banca d’Italia) non supera il 5%, per cui la remunerazione del 10% del capitale sociale, stabilita dallo statuto e deliberata annualmente, deve ritenersi congrua.Inoltre il sottoscritto, nell’elaborazione dei calcoli, ha tenuto conto, per i riflessi della distribuzione complessiva dei redditi della Banca d’Italia, della percentuale del capitale sociale (5%) detenuto dall’I.N.P.S., che in quanto Istituto Pubblico totalmente controllato e governato dallo Stato, non può essere considerata una partecipazione privata.Lo scrivente ha potuto esaminare i Bilanci e relativi allegati pubblicati dalla Banca d’Italia degli esercizi 1997-1998-1999-2000-2001-2002-2003, che si allegano sub D; ha potuto inoltre estendere l’analisi all’esercizio 1996, in quanto i dati sono desumibili dalla comparazione con l’anno precedente del Bilancio 1997. Nella seguente Tabella sono stati analiticamente riportati i calcoli del reddito monetario sottratto allo Stato, elaborati dallo scrivente sulla base dei criteri sopra esposti, per il periodo 1996/2003….. Tabella in “Moduli”

02/10/2005

Documento n.5111

Sostieni i consumatori, sostieni ADUSBEF!

Puoi sostenere ADUSBEF anche attraverso il 5 x 1000: in fase di dichiarazione, indica il codice fiscale 03638881007

Informativa sull'uso dei Cookies

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.OK