BANCHE: E’ IL MOMENTO DI NAZIONALIZZARE LE BANCHE E BANKITALIA PER SUPERARE LA CRISI

in Comunicati stampa

 

 

COMUNICATO STAMPA

 

 

BANCHE: E’ IL MOMENTO DI NAZIONALIZZARE LE BANCHE PER SUPERARE LA CRISI

 

  La crisi del sistema bancario, generato da una vigilanza ‘a la carte’, con una Banca d’Italia di proprietà delle banche, che ne aveva sempre  contrabbandato la stabilità, è principalmente dovuta ad una gestione scellerata del credito e del risparmio, che ha generato gli scandali Mps, Carige, Banca Popolare di Vicenza, Veneto Banca, Banca Marche, Banca Etruria, CariChieti, CariFerrara e tanti altri di malagestio.

   Per superare la crisi, occorrono riforme urgenti, con la Banca d’Italia che deve tornare ad essere pubblica, come in tutti i paesi del mondo, con una responsabilità oggettiva delle autorità di vigilanza, che qualora sbagliano devono pagare in solido anche con la galera; abrogare il ridicolo ostacolo alla vigilanza;  ri-pubblicizzare le banche, anche con l’istituzione delle vecchie Bin, banche di interesse nazionale.

     Ci auguriamo vengano accolte queste proposte, assieme a quelle di Giulio Sapelli, professore di storia economica all'Università degli studi di Milano, che  riferendosi al caso della Popolare di Vicenza, ha affermato che il fondo Atlante è troppo piccolo, troppo poco capitalizzato per gestire la crisi dei crediti deteriorati e la soluzione per affrontare una montagna di 80 miliardi di sofferenze nette, resta la nazionalizzazione degli istituti in difficoltà e la creazione di una bad bank.

 

                                                                                                          Elio Lannutti (Adusbef)

 

Roma, 3.5.2016 

05/03/2016

Documento n.10310

Sostieni i consumatori, sostieni ADUSBEF!

Puoi sostenere ADUSBEF anche attraverso il 5 x 1000: in fase di dichiarazione, indica il codice fiscale 03638881007

Informativa sull'uso dei Cookies

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.OK