'Procura di Roma chiede il rinvio a giudizio dei vertici Veneto Banca'

Apprendiamo con favore la richiesta di rinvio a giudizio da parte della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Roma nei confronti dell'ex amministratore delegato di Veneto Banca, Vincenzo Consoli e dell'ex presidente Flavio Trinca e altri nove tra amministratori e manager”, dichiara l'avv. Antonio Tanza, Presidente di Adusbef.

Confidiamo nella magistratura perché tempestivamente faccia piena luce sugli anni di gestione della banca da parte degli indagati anche per restituire speranza e verità alle migliaia di risparmiatori beffati.

In questo senso aspettiamo che anche le altre Procure d'Italia, che indagano sulle altre banche venete, riescano a concludere le indagini e facciano chiarezza su quello che è stato un vero e proprio tracollo del pubblico risparmio, che ha cagionato danni incalcolabili alle tasche delle famiglie, dei pensionati e delle imprese italiane, peraltro in un contesto economico-geografico ben definito, quale quello del Triveneto, ed in un periodo storico importante per il rilancio dell'economia.

Un'azione preventiva, anche in questo caso, avrebbe risparmiato lacrime e sangue ai clienti delle banche e le tragiche ricadute economiche su tutto il Popolo Italiano.

Le ipotesi di reato contestate dalla Procura (ostacolo all'esercizio delle funzioni dell'autorità di vigilanza ed irregolarità nella gestione dell'istituto di credito tra il 2012 ed il 2014) quanto meno con riferimento alla seconda ipotesi, consentiranno alle migliaia di risparmiatori danneggiati di costituirsi parte civile nel momento in cui il Giudice delle Indagini Preliminari di Roma dovesse ritenere fondata la richiesta di rinvio a giudizio.

Adusbef segue dall'inizio e da vicino la vicenda e mette a disposizione i suoi legali per la difesa congiunta di tutti i risparmiatori danneggiati: per partecipare alla costituzione collettiva nell'instaurando processo penale su ROMA, basta mandare un'e-mail ad adusbefutenti@gmail.com sarete contattati in giornata dai nostri avvocati e/o dottori commercialisti.